domenica 15 febbraio 2009

Marilyn

I love Photoshop
di Fabio Cicolani 

C’è poco amore nell’aria. C’è poco amore in generale. Folgorato da questa assolata - anche se fredda – mattina di febbraio, vi lancio una freccia di Cupido. Senza troppo distaccarmi dal tema della mia rubrica, lancio un filone surreale, una serie di dichiarazioni d’amore sopra e sotto le righe, intorno ma anche dentro.
Ai tempi di Marilyn c’era sicuramente l’amore, ma non c’era Photoshop.

Un tempo erano detti “ritoccatori”, ovvero coloro che, armati di pennellino e soluzioni varie, intervenivano sulle foto per farle brillare ancor di più. Oggi ai pennellini manuali si è sostituita una vera e propria bacchetta magica, Photoshop. Per quanti non l’avessero sentito neanche nominare, Photoshop è un programma della Adobe, molto diffuso, che si usa a vari livelli per la grafica e la fotografia. Uno di questi livelli è proprio il fotoritocco.
Guardatevi intorno, non ci sono foto patinate e non che non siano state rielaborate, satinate, scontornate, ripulite. Più veloce e indolore del chirurgo, e più alla portata di tutti di un miracolo.
Come si fa? Semplice. Si prende una foto e si eliminano i difetti, occhiaie, borse, acne, colorito spento, macchie, rughe profonde, ombre che imbruttiscono. Poi si evidenziano i pregi, occhi, labbra. Ma non solo! Se non si hanno sufficienti pregi, si aggiungono; si allunga il collo, si ingrandiscono gli occhi, si modella il contorno del viso, si lima la mascella.
Il risultato? Una star.
Quanto è corrispondente alla realtà? Poco, la fiction però non è realtà, è magia.





3 commenti:

ha detto...

Davvero carino il tuo articolo e i video sono proprio illuminanti!
dovrei ritoccare anch'io qualche mia foto visto che non sono per niente fotogenica...
ciao un bacio

Maddalena ha detto...

Anche io, sottoscrivo.

cicobyo ha detto...

Inviatemi una vostra foto e farò di voi una star!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...