martedì 18 novembre 2008

La Dolce Vita di Ludovica


















I tacchi: i migliori amici delle donne
A cura di Ludovica Falconi

Ogni donna ne ha uno, anzi due. Anche se non le indossa mai, un paio di scarpe col tacco non può mancare nel guardaroba di noi donne.
Il tacco è uno dei simboli di femminilità per eccellenza anche se solo le più temerarie riescono a portarli per l'intera giornata. C' è chi li sceglie per una serata spaciale, chi per alzarsi un pò, chi per farsi coraggio, chi per conquistare..
Ma vi siete mai chieste quando questa croce e delizia è nata?
I primi tacchi furono usati non certo per ragioni estetiche le macellaie dell’antico Egitto le usavano per non sporcarsi i piedi di sangue, i cavalieri della Mongolia utilizzavano stivali col tacco per tenere più saldamente le staffe mentre le matrone greche e romane furono le prime ad indossare i plateaux per sembrare più alte.
Nel 1507 Monna Lisa li indossò per volere di Leonardo da Vinci che la voleva più slanciata mentre Caterina de' Medici li scelse in occasione delle sue nozze con il duca di Orléans nel 1533. Ma il tacco divenne veramente di moda nella Francia di Luigi XIV, il "tacco Luigi" è nato grazie a lui, infatti, a quel tempo anche gli uomini indossavano tacchi, trucco e pizzi e naturalmente li utilizzavano solo le classi agiate.
Nel ‘500 in Italia le donne dei ceti più alti portavano zeppe altissime come le geishe giapponesi durante le loro danze o durante la cerimonia del tè. La regina d'Inghilterra Maria Tudor a metà del XVI secolo indossava tacchi alti per incutere rispetto. Il primo tacco a spillo è invece datato agli anni '50 realizzato da Roger Vivier per Dior.
Adesso noi ci possiamo sbizzarrire tra zeppe, tacchi a spillo, punte tonde e punte anni '80..quando non fanno male sono fantasatici, un pò come gli uomini.

5 commenti:

maggie ha detto...

Ciao Ludovica!Molto interessanti le curiosita'del tuo post,davvero!I tacchi mi piacciono molto.In molte occasioni e per certi abiti sono d'obbligo.Poi la scarpa alta e' bellissima anche solo da guardare,e' cosi' sinuosa, infatti mi e'capitato di vedere addirittura una mostra a riguardo.Baci

Katia Ceccarelli ha detto...

Ferragamo docet!

IleniaF ha detto...

I tacchi rappresentano il massimo dell'eleganza e poi sfilano le gambe delle donne in maniera superlativa.
E pensare che io l'ho capito soltanto a 30 anni....

Ludovica ha detto...

anche voi amanti del genere, eh! ferragamo è il numero uno, pensate che aveva la forma del piede di tutte le dive anni '40 e '50 e così gli faceva le scarpe sulla loro misura perfetta..

lastaccata ha detto...

Interessante questo post, anche per chi come me è una "staccata". Intendiamoci, non che io abbia nulla in contrario al dolce deambulare sui trampoli, ma da quando ho partorito praticamente non uso più i tacchi, tranne in particolari ( e aggiungerei dolorose per il mio apparato muscolo scheletrico) occasioni.
"Le mamme non mettono mai i tacchi" è il titolo del mio libro, se hai voglia di curiosare nel mio mondo sei la benvenuta nel mio blog.
Buona domenica
Lastaccata

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...