mercoledì 30 gennaio 2008

NOTE BLU


MY BLUES SOUL
A cura di Ilenia Firetto

In uno dei miei post precedenti avevo parlato del significato del blues.
Se ben ricordate, con Blues si intende quel canto che viene dal profondo dell’animo, è l’espressione del suo sentire interiore più profondo.
Il blu è il colore della sofferenza, nell’inglese moderno being blue vuol dire essere tristi…ed eccoci qui…..io in questo periodo sono molto blues.
Cerco, dunque, di trovare rifugio nella musica jazz. Metto su un cd di Bill Evans e, seduta nel terrazzo di casa mia, con la sigaretta a tenermi compagnia, guardo il cielo ricoperto di nebbia e, a stento, la luna piena, anch’essa blues, triste, melanconica.
La notte mi avvolge nel suo mantello scuro, nero come il jazz che, come in una spirale fatta di note, mi trascina nel suo mondo.
Un accordo, cinque note. Un brivido mi percorre la schiena…è Blue in green.
Mi chiedo e mi son sempre chiesta cosa mai Bill Evans avesse pensato quando ha composto questo pezzo. Note dense di sentimento, inquietudine, tristezza.
Quando ascolto questa musica devo essere da sola, non so nemmeno io il perché, non voglio nessuno intorno, nessuno che mi parli, soltanto io e la musica, il mio mondo fatto di note blu.
Chiudo gli occhi e viaggio con la mente, mi piace perdermi tra le note stridule della tromba di Davis o tra i fraseggi del piano per poi essere riportata all’ascolto, attento, dal ritmo pulsante del contrabbasso, il cuore del combo.
E la mia tristezza prende forma attraverso queste note.

12 commenti:

maggie ha detto...

oh Ile, finalmente un post...era così tanto che non ti si leggeva...!!!
Anche a me capita di voler ascoltare dei pezzi da sola, per conto mio...perchè magari mi lasciano pensare e andare...e la presenza di altre persone forse non mi permetterebbe di far emergere delle emozioni che solo io e quella musica sappiamo provare..
Bacioni

Diomira Pizzamiglio ha detto...

Ho dimenticato cosa vuol dire restare da sola ad ascoltare nusica.
Una volta lo facevo, ma ora il mio mondo è sempre più pieno di suoni dalle note alte, stridule e dissonanti.
Non c'è colore.
Solo un vortice luminescente che paralizza mentre il tempo fugge rapito verso l'occhio del ciclone.

IleniaF ha detto...

Infatti, Maggie, è proprio questo il significato che do alla musica jazz, è l'unica musica che mi entra dentro e riesce a far emergere le mie emozioni più nascoste, ma vere, a volte anche violente, tristi quelle che non provi solitamente o che non vuoi far emergere perchè ti trovi in certe situazioni in cui sei costretta a soffocarle.
Naturalmente ognuno di noi ha il proprio "blues".
Baci anche a te!

IleniaF ha detto...

Cara Diomi,
questo non va affatto bene.
Non lasciarti trascinare dal vortice, tu sei sicuramente più forte.
Magari cerca di trovarvi all'interno quelle armonie che sono insite in ogni cosa che esiste in natura e falle diventare tue!
Concediti del tempo, è fondamentale per ognuno di noi.

Maddalena ha detto...

A me è il blues che fa l'effetto di tirarmi fuori le emozioni più tristi, mi faccio dei pianti incredibilmente liberatori.

IleniaF ha detto...

Ciao Madda,
anche a me, soprattutto le voci di Bessie Smith e di Billie Holiday mi fanno questo effetto o la chitarra di Robert Johnson e difatti non ho voluto ascoltare del blues quella sera proprio perchè non volevo piangere.
Nel jazz riesco a trovare il conforto che mi manca, delle volte, in questi periodi un pò bui.
E Bill Evans mi è molto di conforto, le sue melodie rappresentano un abbraccio caldo, le note acide della tromba di Miles Davis invece sono come dei coltelli e mi piace questo contrasto.

Maria Cristina Campagna ha detto...

Ile credo che la musica accompagni la vita di ogniuno di noi. Anch'io spesso ho bisogno di stare sola ed ascoltare qualcosa che mi tiri fuori emozioni suggestioni e anche lacrime! E penso che possa essere un amico che nessuno potrà toglierci.
Devo assolutamente ascoltare questo Evans!!
Baci

IleniaF ha detto...

Si cara Cri, la musica è il compagno ideale, che ti culla e ti lascia libera di esprimere in toto le emozioni.
Bill Evans te lo consiglio vivamente, compra Kind of Blue dove c'è anche Miles Davis, Cannonball Ardley ed altri miti del jazz, tral'altro lo danno con l'Espresso questa settimana.
Approfittane!!!!!

antonella ha detto...

cucciolina romanticona ma che bel post!adesso vado subito in edicola..

ile ha detto...

Carissima ANto, che bello risentirti!
Mi mancavano i tuoi interventi.
Dopo l'acquisto fammi sapere che te ne pare!
Un bacione.

Pit ha detto...

Ciao Ile,
come promesso sto visitando il tuo blog.
Hai saputo lasciarmi senza parole!
...Sei un pozzo di sentimenti ed emozioni.
Complimenti!!!
Tornerò a leggerti spesso.
Pietro C.

IleniaF ha detto...

Caro Pietro, ma grazie, sei fin troppo gentile!
Mi ha davvero fatto piacere il fatto che tu abbia letto, ma soprattutto commentato, grazie, davvero.
Allora conto di annoverarti tra i miei lettori!!!:-)
A presto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...