martedì 13 gennaio 2009

Battibecchi


Perdonami Wanda se scrivo questo post a ridosso del tuo, ma la situazione lo richiede. Per uno strano meccanismo di risposta ormai sapete tutte ciò che si è verificato riguardo alla posizione di Alessandra Lumachelli e della sua rubrica in questo spazio.


Non entro nel merito dell'accaduto, non voglio. Tuttavia mi sento di sottolineare che una persona può dimenticare un nome nella lista del calendario, senza per questo dover ripondere sui diritti del mondo e non su una semplice svista. Che accade a chiunque. A me spesso. Si dimentica di inserire un nome, non si mette in discussione la professionalità e il contenuto degli interventi.


Sono rubriche che non procurano contatti di lavoro? E meno male. Rosa Stanton non è un ufficio di collocamento, semmai uno spazio dove si esprimono professionisti che un lavoro già lo hanno. E i contatti se li cercano in altri luoghi.


E' un impegno? Si, lo è. Ma non forziamo nessuno, si può entrare ed uscire. Ma quando si scrive però lo si fa per davvero, con lo stesso impegno che dedica un giornalista alla sua testata. Quindi si, lo sforzo c'è.


Non c'è guadagno? No. E' uno spazio senza risorse. I contributi sono regali preziosi. Penso a grandi personalità che qui scrivono come il poeta Gregorio Scalise, le scrittrici Monica Maggi e Katia Ceccarelli, lo scrittore Lorenzo Bosi, il critico d'arte Vladimiro Zocca, la pittrice Linda Brindisi, l'esperto Roberto Scano, la psicologa Susana Liberatore. Nessuno è pagato. E tutti i miei deliziosi amici: Fabio, Monica, Ludovica, Maggie, Lù, la Wanda. Che amo tanto e che non finirò mai di ringraziare. E mio figlio Alessandro. E le mie allieve ( non sanno quanta gratitudine e stima abbia per loro, lo dico poche volte e questa è una gran bella occasione): Antonella, Maddalena, Elisabetta , Maria Grazia, Chiara, Maria Luisa, Maria Cristina, Diomira.


Insomma: se Ilenia dimentica un nome, santo cielo, non si disegni un dramma. Piuttosto si colga l'amicizia di una persona pulita. Che non ce ne sono in giro mica tante. E abbiatene cura. Che anche di spazi come questi, dove ci si sente a casa, se ne trovano pochi.


Per concludere Alessandra la scelta resta tua. O persistere nella decisione di abbandonare il blog , per una svista, o deliziarci con i tuoi interventi. Che non renderanno contatti professionali ma abbracci virtuali si. E questi solo contano.


Grazie a tutte voi.

Patrizia Finucci Gallo

12 commenti:

ha detto...

Cara Patrizia
trovo molto stimolante scrivere sul blog, mi aiuta a mantenere viva e creativa la mia mente, e trovo che farlo per hobby sia un bene, è un impegno che prendo seriamente ma non è un obbligo, ed è giusto così.
baci

Il signore in giallo ha detto...

Anch'io carissima Patrizia sono d'accordo con te. Ti rinnovo gli auguri per un felicissimo 2009 e ti abbraccio con affetto.

Katia Ceccarelli ha detto...

La blogosfera ha due facce e se una può avere una connotazione "infernale" l'altra - quella buona - permette lo scambio di idee e parole a distanza. C'era già anche il telefono direte voi, sì ma volete mettere il recupero della scrittura?
Sarà perché io Patrizia la conoscevo da molto tempo prima della nascita di RS però ho sempre pensato a questo blog come a uno stimolante salotto e a un modo per sentire più vicine persone fisicamente lontane.
Il business è un'altra cosa, credo.

Diomira Pizzamiglio ha detto...

Sono d'accordo con i vostri commenti, ma aggiungerei che scrivere in reta è di più.
Significa avere visibilità, maggiori contatti, opportunità.
Significa anche mettere in gioco la propria credibilità.
Se i conti alla fine non tornano, può essere che da qualche parte ci sia un errore e che le aspettative non erano coerenti con la realtà virtuale.

Anonimo ha detto...

@Lù, la tua rubrica è preziosa e assai letta, quindi lo stimolo sei tu per noi che leggiamo di concorsi e di scrittura
@Lorenzo tu sai quanta gratitudine abbia per te, che da professionista quale sei ci offri spunti e momenti di informazione
@Katia, anch'io trovo questo spazio molto importante e vorei anche migliorarlo. Dobbiamo mettere a punto un pò di cose e lo faremo
@Diomira hai ragione, ho sempre pensato che la rete offra visibilità e comunque noi non saremmo restate in contatto così a lungo se questo spazio non ci fosse stato. La gente si trova e si lascia con troppa facilità.

PFG

Anonimo ha detto...

Carissimi tutti, ho letto quanto scrive la mitica Patrizia che saluto. Mi dispiace per questi disguidi ma la vita è piena di errori e se non ci fossimo nessuno di noi potrebbe crescere e migliorarsi. Io ho iniziato da poco con la mia rubrica e ne sono contenta perchè è una buona cosa e "spazi aperti" dove parlare di tematiche che ci stanno a cuore, ci appassionano, amiamo o semplicemnte ci interessano non è semplice trovare in giro....
Io continuo con piacere ma anche con molta libertà, ringraziando Patrizia che me l'ha proposto.
ciao a tutti, linda

Cappe ha detto...

Ciao Patrizia e atutti gli amici del Blog Stanton.
Sono orgogliosa di scrivere nel blog, mi da tanta soddisfazione, mi stimola sia scrivere che leggere i post. Forza buon lavoro a tutti noi.
Buon 2009 e speriamo di vederci a Bologna un giorno.
Con affetto.
Chiara Cappe

Anonimo ha detto...

Ciao Chiara, la tua rubrica è letta anche dalla mia vicina di casa. E' la signora Eleonora, ha 72 anni e sembra mia sorella. Se la saluti le fai piacere. Complimenti per l'impegno e per le preziose inofrmazioni che metti a disposizione di tutti.

Patrizia

Maddalena ha detto...

Ragazze, cerchiamo di essere più tolleranti, cosa volete che sia dimenticarsi un nome, io un pomeriggio mi sono dimenticata mia figlia all'asilo ... Dai impariamo a dire mi dispiace, dopo ci si sente meglio. Noi ragazze in questi piccoli screzi dovremmo imparare dagli uomini (dai quali raramente abbiamo da apprendere qualcosa ... veleno) che ci passano sopra. Suvvia!!!!

IleniaF ha detto...

Brava Maddalena! Ci facciamo sempre riconoscere, mai che ci sia comprensione, ma solo "veleni" come hai detto ben tu.
Baci a tutte!!!

Anonimo ha detto...

La bella Monica ha svelato l'arcano: è stata inserita due volte

PFG

anonimo ha detto...

Mi è piaciuto il tuo intervento e trovo particolarmente gradevole il fatto che hai ricordato tutti: esperti, persone famose e anche quelle tapine delle tue allieve che cercano di mettere in pratica le tue indicazioni.
Nessuno si offende per "tapine" vero?
Una abbraccio
Maria Luisa

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...