mercoledì 14 maggio 2008

Marilyn

Il cinema lo preferisce piccolo

di Fabio Cicolani

Si è partiti dai grandi miti della vecchia Hollywood, le star, gli idoli delle masse per arrivare ai personaggi chiave del nostro nuovo cinema. Siamo passati da dive di più o meno alta levatura e poi abbiamo analizzato una manciata di tipologie dalle quali il nuovo cinema prende spunto. Possiamo tirare le somme con una riflessione nel mezzo del cammino? Sì, e la conclusione è che l’industria del cinema si è ingigantita e i miti si sono ridotti. Basti pensare all’ultima tendenza in fatto di idoli: il piccolo schermo. La TV.
Ormai sono a decine le serie nate per la TV che diventano film, spesso con un buon successo al botteghino. A fine mese approderà nelle sale la pellicola che parte dal piccolo schermo più atteso dell’anno Sex & the City – The Movie ed è già un successo assicurato. Arriverà il nuovo film di X-Files, si parla da tempo di una trasposizione di Wonder Woman (è già in lavorazione, l’eroina dai larghi fianchi e super poteri sarà interpretata da Magan Gale, quella della Vodafone), si lavora sul film dell’A-Team, è in produzione Dallas, si parla di un possibile film su E.R. e potrei continuare ancora parecchio.
Per non parlare delle star che nascono dal piccolo schermo e approdano con successo sul grande, come Katherine Heigl da Gray’s Anatomy ed Eva Longoria, celeberrima casalinga disperata.
Allora che sta succedendo al cinema del nuovo millennio? Se posso dire la mia, credo che il cinema sia passato da un processo di civilizzazione a uno di industrializzazione. In pratica prima formava le coscienze, veniva utilizzato sì per intrattenere ma anche per informare, far riflettere e far maturare le coscienze, oggi questo compito è relegato a produzioni di nicchia, i film scandalo, mentre la grande produzione punta a soddisfare le richieste del pubblico andando sul sicuro e puntando su soggetti cinematografici che garantiscono un certo ritorno economico. E cosa c’è di più garantito di un serial televisivo con milioni di proseliti?

4 commenti:

Katia Ceccarelli ha detto...

Non la farei così facile riguardo al cinema. I giudizi manichei non portano lontano.

ha detto...

Interessante la tua tesi, ormai siamo talmente dominati dalla tv che tutto passa da lì. Spesso questi film sono una grande operazione commerciale, tutti i fans dei telefilm sicuramante andranno a veere il film al cinem a incuriositi (ed io non faccio eccezione)
C'è anche chi attraverso la Tv è entrato prepotentemente in politica e la fa da padrone.

Maddalena ha detto...

Che peccato che i miti non esistano più, o meglio ci sia mancanza di miti positivi, la nostra società si sta impoverendo di contenuti.

Fabio Cicolani aka cicobyo ha detto...

E cosa porta lontano? Rimanere nel limbo dei giudizi suggeriti e mai espressi? Mah... io ragazze... proprio non vi capisco...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...