domenica 17 giugno 2007

SONO DISTRUTTA



Quando gli scoiattoli scoreggiavano si poteva morire più allegramente.

a cura di MonicaC


Censura è una parola di origine latina, deriva da cènseo (valuto, stimo). Il Censo era l’ufficio del censore nell’antica Roma ed anche l’esame che egli aveva diritto di fare sulla condotta dei cittadini per infliggere biasimo a quelli di sregolato costume.
Possiamo ritenere che scoreggiare rientri perfettamente nello “sregolato costume”. Questa turpe abitudine, va detto però, alquanto liberatoria, si tiene nascosta ai più, come una macchia vergognosa sulla coscienza, tollerata solo nei bambini molto piccoli e spesso ricercata da mamme fanatiche di colichine, colichette e rigurgitini.
Giunti più o meno all’età della ragione, quando imbarazzo, contegno e decoro fanno capolino nella nostra vita sociale, tutti ad occultare e a dire omertosi “a me non è mai successo” oppure “la faccio talmente piccola che non puoi chiamarla scoreggia”, e così via, di menzogna in menzogna, a nascondere quell’aria che se viene dalla bocca va pure bene, ma poiché arriva dal culo...
Ma perché dico questo? Sono forse impazzita? [...]

Può essere, ma potrebbe anche non c’entrare nulla.
Mi sono venute in mente queste ed altre illuminanti considerazioni quando ho visto alla tv la pubblicità delle Vigorsol Air - quella con lo scoiattolino dal peto congelante, che salva la foresta da un incendio - e ho scoperto che non arieggia più dal suo deretano, bensì dalla BOCCA!
Penso “mi sto sbagliando, è impossibile”, invece no. La erre di Air continua ad alzarsi, ad imitazione della coda dell’animale smossa dall’aria, ma si sente un bip a coprire il rumore del peto malefico.
Voglio saperne di più e vado su YouTube a cercare il video della pubblicità.
Scopro con amarezza di non essermi sbagliata: i video ci sono tutti e due, potete trovarli qui:
http://www.youtube.com/watch?v=-9sPqY9zuUM(versione censurata)
http://www.youtube.com/watch?v=abyEPDTMgPo( versione originale)
Ovviamente, c’ è chi nega che questa sia censura e parla semplicemente di una “nuova versione”, accusandomi di dietrologia e sindrome da complotto. MA IO NON CI CASCO. Diamo un nome alle cose, questa si chiama CENSURA!!
Tutto ciò potrebbe pure lasciarmi indifferente, nonostante le implicazioni di natura sociale derivanti dalla repressione delle libertà individuali evidenti in questa becera rimozione, se non avessi letto questa notizia: la ministra della cultura svedese, Lena Adelsohn Liljeroth, sta pensando di autorizzare un tipo di sepoltura eco - compatibile, che si sostituisca nel tempo ai metodi tradizionali, parrebbe, estremamente inquinanti.
Il metodo è quello della CRIOTECNICA, attravreso il quale la salma, immersa in azoto liquido a -196° C, si congela e diventa più fragile di un pezzo di cristallo, tanto da frantumarsi in milioni di pezzettini con un solo battito d’ali.
Una cosa terribile, forse, più della cremazione. Scusate, non solo sono morta, quindi uscita fuori di scena per sempre, per l’allegria di quegli stronzi (e stronze) che se la rideranno, berranno, amoreggeranno senza di me, in più devo pure sbriciolarmi come un wafer? Col cavolo!
La svedese è una sadica impune però pone un problema reale: l’ impatto sull'ambiente, della decomposizione di milioni di corpi, non è argomento che si potrà ignorare ancora a lungo.
Rimango perplessa sulla scelta del metodo ma, forse, potrei sacrificarmi alla causa ecologica se a congelarmi, da morta, fosse quel simpatico amico dispensatore di chewing gum!
Immaginate lo scenario: un obitorio colmo di corpi ammassati, i parenti a guardare dietro il vetro come nel braccio della morte, bambini eccitati, sadici spilungoni, nostalgici della zappa, vecchie dentiere, quando ad una certo punto tadadam: mille e mille e ancora mille scoiattolini , imbottiti di vigorsol air iniziano a lanciare all'impazzata dei sonori peti. Niente male come estrema unzione.
Se proprio si deve, che si torni polvere ma almeno con un po’ di allegria!

21 commenti:

asudest ha detto...

Bellissimo questo post!...ma come ti vengono in mente queste idee bislacche?!

Monica Caboi ha detto...

Caffè, sigarette, notti insonni e stress...

antonella ha detto...

Ebbene,lo scoiattolo petomane è tornato e con tanto di sonoro!Dopo la dentiera che balla,la diarrea fulminante,l'ascella pezzata,gli assorbenti per ogni tipo di liquido,la tremenda puzza di piedi che stermina palestrari,manager etc.e la flatulenza che ti stronca duranta la cena con le amiche,dobbiamo ammettere che ne sentivamo un pò tutti la mancanza.

Ely ha detto...

Cara Monica
complimenti questo articolo è molto bello!
Fai un intreccio carico di ironia di due argomenti così importanti...
Brava!
Sai che non me ne ero accorta del cambiamento della pubblicità dello scoiattolo... sarà che non guardo molto la tv.
Certo è che con tutto quello che c'è in giro ... proprio la puzzetta senza puzza dovevano toccare?!

Monica Caboi ha detto...

Per ANTO:
Ti è mancato davvero o fai dell'ironia?
Io un pò e un pò.
Comunque, peti, ascelle pezzate e dentiere che ballano, fanno schifo e per questo, pure ridere, ma nessuno di noi sfugge a quel ridicolo!! (Fatta eccezione per la dentiera...). E le pubblicità degli assorbenti sono sicuramente le più ridicole, con i Tampax che "ti permettono di fare tutto quello che vuoi", neanche fossero la bacchetta magica e quelli per l'incontinenza con le "nonne" che giocano a tennis, però pensa che sino a 40 anni fa le donne usavano "un pezzo di stoffa" come assorbente e lo lavavano la notte, di nascosto, perchè era una "vergogna" parlare del sangue mestruale!!!
Quindi lo schifo pubblicizzato a volte serve a sdoganare lo schifo stesso, che d'altronde è un pò quello che tutti siamo: se potessimo guardare dentro il volto che vediamo riflesso allo specchio, olte la pelle, nella carne,non vedremo altro che nervi, sangue e capillari. Dici che ci faremo schifo?

Monica Caboi ha detto...

Per ELY:
Grazie Ely, mi fa piacere che il messaggio ti sia arrivato.
Schifo è una parla dalle molte sfumature....

Maddalena ha detto...

Monica,
i miei bimbi, piccoli, quindi ancora mentalmente verigini, trovano questo spot divertentissimo.
Io ritengo che si, forse non è da bon ton, ma da sana goliardia si.
Mi fanno più schifo, si proprio schifo quelle pubblicità tutte ammiccamenti, strusciamenti di donne uomini perfetti fisicamente, su auto lussuosissime, che danno un'immagine falsata della realtà.
Meglio lo scoiattolo scorreggione!!

Anonimo ha detto...

dove lo lasciate il bimbo cagone???puff che odore...ma la mamma ha un nuovo trucco.....
per favore....lo mandano in onda sempre all'ora di pranzo o cena...

eh eh eh...monik...tu hai bisogno di un bel tuffo nel nostro mare bluuuuuu.....un bacione ale b

Monica Caboi ha detto...

ALE B: ma sei Alessandra?
Perchè l'unica Ale B. nel mio mare blu blu sei tu....
Hai proprio ragione tesoro è quello che ci vorrebbe, ma purtroppo devo stare qui a sudare con i piedi gonfi (schifo eh?), sognando di non esserci!! Baciotti

Monica Caboi ha detto...

Già Maddalena, i bambini sono i migliori estimatori delle puzze.
Ho visto mi ocuginetto di 7 anni, sniffare l'acqua di Sirmione, che puzza di uovo marcio, con una bramosia tale, neanche fosse etere....loro si che sanno cosa fa veramente schifo!

ale ha detto...

si si sono proprio io....sono arrivata in questo blog per caso....sono io che ti ho chiesto se potevo venire con te a fare il viaggio....ma tanto non partirò mai...era giusto così...per sfuggire un pò da qui almeno con la mente....ti mando un baciotto grande grande
p.s.per i piedi gonfi....fatti fare un bel massaggino!!!!

Monica Caboi ha detto...

Ciao amore allora sei proprio tu, che bello!!!!!
Non avevo capito che eri tu quella del viaggio, pensavo fosse un mio amico che si chiama Alessandro.....
Comunque il viaggio ce lo facciamo quest'estate, fosse solo con la testa, che è comunque il viaggio migliore, fidati.
Un abbraccio forte forte

pippi ha detto...

Ogni tanto scorreggia ancora, ma solo nelle fasce serali... Anch'io appena mi sono accorta del cambiamento ho pensato fosse una forma di censura, poi ho pensato: possibile che nel 2007 debbano censurare proprio quel simpatico scoiattolino scorreggione? C'è tanta altra roba da cancellare... E' semplicemente una forma 'avanzata' di marketing pubblicitario... arrivano a far questo ed altro; l'importante è che lo spot rimanga impresso nel ricordo dei più, e a quanto pare ci son riusciti.

Monica Caboi ha detto...

Ehi amica Pippi, non mi smontare così la tesi sulla censura....sai perdo credibilità!!
Ci vediamo presto a BO!! Baciuzzi

Anonimo ha detto...

si è come l astoria di SIffredi
si fa una cosa per venire censurati e attirare l'attenzione
chi se ne fregava delle patatine pai prima

comunque come diceva shakespare una scorreggia è il modo più facile per far ridere.
d'altra parte alvaro vitali e tutto il cinema che piace a voi le usa abbondantemente.

ma è con l acorreggia d'autore che si può parlare di originalità e genialità di soluzione

in ricordo di Paviglianiti

Monica Caboi ha detto...

Anonimo caro, tu si che ci illumini!
E come fai a sapere della "nostra" passione per Alvaro Vitali e "tutto il cinema che piace a noi"? Geniale, si direbbe quasi che tu ci conosca...
"CERTAMENTE" anche noi (io soprattutto) ti conosciamo e tutti quelli come te, che contemplano la genialità delle scoregge di Paviglianiti mentre storcono il naso davanti ai culi non d' autore.
D'altronde alla scuola di apprendista dandy ti avranno già insegnato che un vero original dandy, "non si prende mai sul serio, se la ride di se stesso e della folla con cui si mescola per rilevarne gli orrori".
Abbiamo una sorpresa per te:
la puzza di merda rimane sempre puzza di merda.

Anonimo ha detto...

MONICA MONICA MONICA.........
NON PUOI SCRIVERE UN TRATTATO SULLA PUBBLICITA' DELLA VIGORSOL( CHE TRA L'ALTRO HO TROVATO..PER COSI' DIRE....LIBERATORIA!)..
AVANTI CERVELLI FEMMINISTI..SCRIVETE QUALCOSA DI MENO " MINCHIEVOLE"...

Monica Caboi ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Monica Caboi ha detto...

Uh Uh "cervelli femministi", " minchievole"?
Davanti all' acume di tali considerazioni non posso che ammutolire, chiedendomi se ho davanti il redivivo Monsignor Giovanni Della Casa o forse il genio di un(a) novello(a)Vaneigem? O forse no, abbiamo solo incrociato il risultato di una prostrazione eccessiva, quella che ai nasi fa toccare quasi il suolo, permettendo ai deretani posizoni per lo più scomode e imbarazzanti, delle quali i novelli ( ma direi meglio, le novelle), si accorgono ahiloro sempre troppo tardi, magari fingendo il mancato intendimento, perchè si sa, ai cervelli non femministi, un pò di dolore fa sempre piacere...... BEN TORNATI!

Anonimo ha detto...

ok per la censura...ma a nessuno è venuto in mente che a livello di logica estetica pubblicitaria era un finale abbastanza scontato (d'accordo, fa il contrario di quello che ti aspetti ma proprio per questo è la scelta più banale per stupire!)??? e scusate se "vedo oltre" il peto!!!!

Monica Caboi ha detto...

MA, CARA ANONIMA, MI SFUGGE IL SENSO DI QUESTO TUO COMMENTO....POI "LOGICA ESTETICA PUBBLICITARIA", ROBA DA NON CREDERE...DOVE L'HAI SENTITA MAI?
SONO BASITA!!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...