giovedì 2 ottobre 2008

IL SIGNOR IN GIALLO


Miss Marple? Era mia nonna.
A cura di Lorenzo Bosi

Un grosso saluto a tutti e ben ritrovati. Come avete passato l’estate?
Ora che l’autunno è arrivato, ritorna il rituale appuntamento con il blog. Benissimo.
Allora…come potrei iniziare se non parlando della regina assoluta del giallo? RIVELAZIONI IMPORTANTISSIME!!!
Sono stati ritrovati i nastri in cui Agatha Christie si racconta.
I nastri erano all’interno di una scatola di cartone. Di fianco ad essa c’era il registratore con il quale erano stati incisi più di 40 anni fa, corroso dall’acido uscito dalle batterie .
Con voce gentile ma ferma, la scrittrice rievoca la nascita di Jane Marple, rivelando che a ispirarle il personaggio fu la nonna. Queste le sue parole: “Anche se era sempre allegra e sorridente la nonna si aspettava il peggio da qualunque situazione o da qualunque persona. E, nella maggior parte dei casi i fatti dimostravano che aveva ragione”.
In uno dei nastri la Christie racconta delle decine di lettere ricevute dagli ammiratori che la imploravano di fare incontrare prima o poi Miss Marple con Poirot.
“Ma perché avrebbero dovuto incontrarsi? Ero sicura che sarebbe stato meglio che l’incontro non avvenisse mai. Hercule Poirot, un tale egoista, non avrebbe gradito che un’acuta signora anziana gli insegnasse il mestiere.
Come investigatore professionista non si sarebbe sentito a proprio agio nel mondo di Miss Marple. Sono entrambi delle star, ognuna nel proprio campo. Non li farò mai incontrare, a meno che non ne senta una ineluttabile necessità”.
Tutte le persone che hanno avuto modo di ascoltare le registrazioni sono rimaste impressionate dalla sua voce. Un modo di parlare antico, sicuro di sé, spiritoso e saggio. Com’era la vecchia Inghilterra.

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Carissimo Lorenzo è un piacere ritrovarti con le tue recensioni e questa è davvero carina...
Linda

Anna Grazia Giannuzzi ha detto...

Anche mia nonna era così, ma molto meno simpatica di qaunto io abbia trovato la Marple, soprattutto se interpretata sullo scermo da Margareth Rutherford (quella nella foto). Per me Miss Marple ha anche rappresentato una donna anziana autosufficiente e felice. Non poco, direi, per una donna.

Anna Grazia Giannuzzi ha detto...

....scusate per gli errori, ma sono ancora in ufficio e ufficialmente non ho mai scritto questi post. Post? Quali post?

Il signore in giallo ha detto...

In effetti Miss Marple è un personaggio molto azzeccato e, per quanto ne so, anche Agatha Christie la adorava. Molto più che Poirot.
Un abbraccio
LB

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...