domenica 15 luglio 2007

EstremaMente


Perché la patatina tira e Pippo la scopa.
di Antonella Passoni

Sono due famosi payoff (riassunto verbale del contenuto di un annuncio pubblicitario, la nota di chiusura) di due spot pubblicitari. Nella prima, Rocco Siffredi, imperturbabile nel suo accappatoio nero e nella seconda, un gioco di parole.
Sorridiamo davanti alla facile ironia di entrambe, in fondo siamo tutti dei semplici e ridiamo con poco. Ma d’estate, si lavora di meno, c’è più tempo per pensare e tra le tante domande che passano per la mente, una che spesso mi faccio, è questa: perché gli uomini e le donne si capiscono sempre meno?

Forse siamo tutti stanchi di questi standard comunicativi omologati. Pippo la scopa fa ridere, ma è ripetitivo come lo è Rocco con il suo pisello porno.
Gli uomini dicono che siamo troppo aggressive e quindi difficili da gestire. E’ vero, siamo incazzate. Chi non lo sarebbe dopo 6000 anni di controllo mentale e fisico esasperato!
Dicono che siamo responsabili dei nostri problemi e le stesse donne, spesso moralizzano ed accusano le altre donne.
Se ci stuprano è perché avevamo i jeans aderenti, se la famiglia è in crisi è perché lavoriamo e se i figli si drogano è perché vogliamo fare carriera. Sarà causa nostra se c’è il buco dell’ozono e se il grifone non nidifica sulle Alpi Apuane. Siamo probabilmente anche responsabili di questi nuovi maschi, che stanziano fino a tarda età nella loro famiglia d’origine.
Eppure sono liberi di vestire come noi, di truccarsi come noi. Non ci scandalizziamo, anzi, assecondiamo, interpretandolo come un atteggiamento innovativo. Diamo per scontato che il nostro cognome non compaia accanto al nome dei nostri figli e non c’incazziamo se rimangono indifferenti, quando per strada ci fanno un apprezzamento offensivo.
Possono rimanere tranquilli a dimagrire sul divano, avvolti nella pellicola del domo pack, spalmati di fanghi termo-rassodanti. Gli addominali scolpiti sono importanti e rinforzano l’ego. Noi sappiamo cosa vuole dire sentirsi non-belle. Il concetto di dover essere figa ad ogni costo viene trasmesso col latte materno. Ogni tanto qualcuna crepa sotto il bisturi o schiatta perché dimagrisce troppo, ma rischiare di morire fa parte del gioco.
L’uomo è disorientato: lo siamo anche noi. Spesso abbiamo le idee confuse. Rimbalziamo da un atteggiamento barricadero-femminista for ever, a quello materno- cuciniero stile nonna papera. Raramente la indoviniamo.
E mi viene in mente Sean Connery. C’è poco da dire, è stato un gran figo. Adesso è un gran vecchio e viene lasciato libero d’essere quello che è.
Alle donne invece, non è permesso invecchiare, così finiamo mummificate in stereotipi standardizzati : veline, velone, rifatte, strafatte, adolescenti viziose e attempate eternamente gnocche. Figure fisse, immobili, incollate come sante dentro ad un trittico ortodosso. Controllabili, prevedibili.
Forse ci vorrebbe un Rinascimento del pensiero dialettico, dove femminile e maschile non si polarizzano,ma s’intersecano e parlano finalmente la stessa lingua.






7 commenti:

IleniaF ha detto...

Hola carissima!
Mi è piaciuto molto il tuo post, dici delle verità, soprattutto condivido la parte finale quando dici che uomini e donne non riescono a comunicare.
E' un interrogativo che mi pongo già da un paio di anni a questa parte e mi chiedo dov'è l'inghippo, dipende da noi, che non abbiamo argomenti seri e che, come dici bene, pensiamo oramai troppo alle cose inutili, stiamo sempre con la fobia dei 3 etti in più o da loro che non cercano di intrigarti con degli argomenti degni di chiamarsi tali?
Che gli uomini stiano cercando di emularci, almeno dal lato estetico, mi sembra un dato di fatto, o mi sbaglio?
Mah, chi lo sa!!!!!!

antonella ha detto...

Non è retorica,ma di persone in gamba,uomini e donne(non mi metto a fare elenchi)ce ne sono tantissime.Purtroppo quello che ci viene messo nel piatto è sempre la stessa porcheria:Paris Hilton che esce dal carcere senza mutande e Corona con lo sguardo ormonato da ciòilcazzochetammazza.
"..cioè,non è colpa nostra,è il sssissteema.."come diceva Verdone.

IleniaF ha detto...

Infatti SI!!!
Io e te non ne siamo un esempio?

Ely ha detto...

Com'è difficile lasciarti un commento!
Io non so se uomini e donne comunichino poco o addirittura non riescano a comunicare, so che tante cose stanno cambiando o forse meglio, stanno tornando... Credo che l'uomo abbia sempre tenuto alla cura del suo aspetto fisico, mi vengono alla mente certe statue greche... è solo che per un pò di tempo ha dovuto mascherare perchè il suo ruolo doveva essere più maschile!?
La donna dal canto suo non è che sia dispiaciuta di questo apparire, diciamolo. E' che vorrebbe dentro il bell'involucro una bella merendina da gustare.
Credo che per certi versi dove uomo e donna non comunichino sia semplicemente perchè non "hanno niente da comunicare", ed il loro rapporto finisce li.
Laddove invece sentimenti, stima e rispetto reciproci sono il fondamento di un buon rapporto, la comunicazione (espressa in tutti i sensi, verbale e non verbale) serve perchè "c'è tanto da comunicare".
Poi ovviamente ci sono casi e casi.
Chissà se sono riuscita a spiegarmi. O meglio mi domando chissà se ho ben capito il senso del tuo post. Sarà il caldo...
Ely

antonella ha detto...

Ely non ti preoccupare.Il mio post era pieno di ingredienti ed il caldo a volte altera i gusti. L'argomento è infinito ed in costante evoluzione.Ne parleremo ancora,vedrai.Grazie per aver espresso una tua opinione.

ely ha detto...

Grazie a te cara Antonella!
E' sempre un piacere "comunicare" con voi...
ed aspetto curiosa i risvolti promessi.
bacioni

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...